Dott.ssa Giulia Vincenzo Biologa Nutrizionista

mangiare bene è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte

PRIMO & SECONDO

Qui vediamo come possiamo unire la fonte di proteine dentro al primo piatto, può essere un’idea comoda per chi mangia sul posto di lavoro e si prepara il pranzo a casa o per chi la sera non ha molta fantasia e frullerebbe distrattamente nella stessa ciotola alimenti poco abbinabili.

BULGUR e QUINOA con CECI e OLIVE NERE

bulgur e  quinoaSembra un  piatto strano ed esotico, lontano dall’essere una roba rapida e quotidiana, invece no! Il bulgur è costituito da grano duro integrale germogliato, che subisce un particolare processo di lavorazione. I chicchi di frumento vengono cotti al vapore e fatti essiccare, poi vengono macinati e ridotti in piccoli pezzetti. La Quinoa è un pseudocereale invece ricco di proteine e sali minerali. Qui li ho trovato insieme già cotti, quindi pronti per essere mangiati, ho aggiunto i ceci in vasetto (ben sgocciolati) e delle olive nere e ho ottenuto un pasto completo! Un po’ di verdura vicino ed il pasto è fatto! I legumi combinati con i cereali costituiscono un pasto completo perché forniscono tutti gli aminoacidi essenziali.

Patate dolci & Petto di pollo panato allo yogurt

Qui si usa solo il forno, comodo per la pigrizia del sabato in cui tutto ci va di fare meno che pulire la cucina. Ho comprato le patate dolci al mercato (sono buonissime!) e le ho tagliate a strisce, nel frattempo ho messo a marinare il petto di pollo nello yogurt bianco, il che lo rende morbidissimo e non rischia di seccarsi, l’ho passato poi nel pangrattato integrale (più saporito!) e ho messo tutto insieme al forno con spezie e un filo d’olio.

Abbinando un’insalata preparata al volo ho un pasto completo: le patate sono i carboidrati, il petto di pollo la fonte proteica e l’insalata il contorno. Tutto decisamente sfizioso!

Farro alla Giulio

Dal nome del mio caro maritino, chef della casa, propongo quella che come ricetta ha fatto furore tra i miei pazienti.

bolliamo il farro in acqua lievemente salata come se fosse pasta e scoliamolo, e dentro ci mettiamo:

  • pomodorini pachino tagliati a pezzetti
  • mezza porzione di tonno all’olio evo ben sgocciolato
  • mezza porzione di formaggio spalmabile (tipo philadelphia) che col calore del farro appena cotto un po’ si scioglie e un po’ no
  • e ad amalgamare invece dell’olio un cucchiaino di pesto di basilico
  • qualche oliva verde ad insaporire
  • eventuali spezie a piacere, pepe nero qb

Mischiate tutto e gustate, buono sia sul momento la sera e comodo da portare in ufficio il giorno dopo. Trovate una fonte di fibra e il pasto è completo! Bravo amore!

Orecchiette con le fave

orecchiette with bean broad and fresh tomatoes

Con questa ricetta ospito Rino del blog www.mangioconsapevolmente.it, lui si occupa tanto di ricette facili e veloci.

Abbiamo le orecchiette –> i carboidrati!
Le fave fresche –> i legumi, che con i carboidrati compongono un piatto “unico” senza aver bisogno di mettere un secondo.
A insaporire cipolla, aglio e qualche pomodorino; a condire sale e olio extravergine d’oliva.

  • Metti l’acqua a bollire con un po’ di sale grosso;
  • Pulisci le fave, le fave si puliscono facilmente e per due persone ci vorranno meno di 10 minuti;
  • Cuoci le fave in una padella con un po’ di cipolla, un aglio ed un po’ di olio extravergine di oliva;
  • Quando l’acqua sarà arrivata a bollore aggiungi la pasta;
  • Nel frattempo che cuoce la pasta taglia i pomodorini e aggiungili alle fave;
  • Scola la pasta uno/due minuti prima rispetto a quanto indicato nella confezione;
  • Quando la pasta sarà pronta, mettila nella padella insieme alle fave e continua la cottura per un minutino.

Qui aggiungiamo un contorno ed il pasto completo è fatto! Grazie e complimenti a Rino!

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto